BDSM, SADISMO – PARTE 4

Nella relazione di sadomasochismo, come in ogni relazione BDSM, il rapporto tra dominante e sottomesso viene definito Dominazione/sottomissione (D/s). All’interno di questa vi è da un lato un Master (padrone) o Mistress (padrona) e dall’altro uno Slave o Submissive (sottomesso/a).

In primis, ogni persona sceglie se essere dominante o sottomesso, chi desidera operare in entrambi i ruoli viene definito “Switch” e può scegliere di cambiare ruolo a seconda dei partner.

L’erotismo estremo determina il piacere e viene interpretato da ciascuno nella chiave più adatta alla propria personalità e alle proprie caratteristiche.

Nel sadismo sessuale infliggere reale dolore, fisico o psicologico, umiliare un’altra persona produce nel sadico una forte sensazione di eccitazione sessuale che può portare all’orgasmo.
Il dolore, quindi, diventa cruciale in quanto simboleggia il potere e il controllo sul sottomesso.

Il sadismo è la passione e il piacere di avere il controllo assoluto sulle persone. Forzare qualcuno a sopportare il dolore o l’umiliazione senza che sia in grado di difendere se stesso è una delle manifestazioni di controllo assoluto.

Solitamente il piacere deriva dalla dinamica del potere che intercorre fra sottomesso e dominantore. Da un lato, infatti, il dominantore prova piacere ad umiliare e dal potere che esercita sul sottomesso e dall’altro, il sottomesso trova gratificazione nell’assenza di potere e dal senso di impotenza che prova di fronte al partner mentre gli infligge umiliazioni e agisce procurandogli dolore.

Il soggetto sadico ricava eccitazione sessuale e piacere della sofferenza fisica e psicologica del sottomesso. I comportamenti sadici possono includere svariate pratiche di manipolazione della libertà e del confine psicofisico del sottomesso.
Non c’è limite alla fantasia e all’immaginazione su forme di sofferenza come l’imprigionamento, la fustigazione, le percosse, la tortura fisica ma sopratutto quella psicologica.

L’apice del piacere sadico non deriva tanto dal contemplare la sofferenza quanto alla certezza dell’innocenza del sottomesso stesso. Il sadico impone la sua volontà sull’altro sotto forma di “pena soggettivamente giusta”. Più che le grida di sofferenza del sottomesso al sadico dominatore interessano le proteste di innocenza, le implorazioni di perdono e i tentativi vani di convincerlo a desistere.

Le forme di “sadomasochismo”, definite BDSM (bondage – domination – sadismo – masochismo), si distaccano dalle comuni pratiche di sadomasochismo in quanto seguono la legge del SSC (Safe, Sane, Consensual) secondo cui è fondamentale che vi sia il consenso da entrambe le parti rispetto agli atti che si andranno ad esercitare. Per questo viene stipulato un accordo paritario tra persone consapevoli, dove uno o l’altro sono liberi di cambiare idea in qualsiasi momento e per qualunque motivo. Proprio per questo motivo vengono utilizzate delle Safeword, che si concordano prima e che fungono da segnale inequivocabile per l’interruzione della pratica.

In genere, alla fine di un rapporto, il partner dominante si prende cura (aftercare) del sottomesso, dedicando affettuose attenzioni o dando dei “premi”.

Il sadico dominatore cerca il suo sottomesso mettendo in atto determinati comportamenti.

  1. Giochi di ruolo:
    Padrone-schiavo
    Insegnante-alunno
    Padre severo-bambina cattiva
  2. Il partner dominante pone il sottomesso in una posizione di impotenza e applica una forma di disciplina o di punizione accompagnata da offese verbali:
    Travestimento
    Svestimento
    Sparking
    Pissing
  3. Il partner dominante rende inerme e immobile il sottomesso:
    Bavagli
    Bende
    Cintura di castità
    Serrando seno/capezzoli
    Chiusura in un luogo/gabbia

Continua a seguirci per scoprire altri articoli, sulle definizioni, sulle posizioni del BDSM e molto altro ancora.

TO BE CONTINUED

vuoi approfittare dello sconto del 15% su tutti gli artioli riguardanti il BDSM? clicca subito per ottenere lo sconto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *